E’ MORTO FRANCO SARDANO, TITOLARE DELLO STORICO BAR RAFFAELLO. AVEVA 56 ANNI

FRANCO-SARDANO.jpg

Si è spento oggi, all’età di 56 anni, Francesco Sardano, persona conosciutissima a Brindisi e soprattutto a Sant’Elia, il quartiere dove ragazzino andò ad abitare. Franco, come lo conoscevano tutti è morto oggi nell’ospedale di Taranto dove era stato ricoverato da qualche giorno per problemi legati all’ipertensione. Ancora molto giovane aprì lo storico “Bar Raffaello”, uno dei primi del quartiere e ad oggi ancora esistente (gestito ora dalla sorella Annarita). Erano i primi anni Ottanta e piazza Raffaello era il fulcro commerciale dell’intero quartiere: l’edicola, due bar, il barbiere, il negozio di generi alimentari, la merceria, persino una boutique ed un negozio di scarpe. Il Bar Raffaello era una “istituzione”: vulcanico e ricco di iniziative, Franco apportava spesso modifiche all’esercizio aggiungendo nuovi servizi che offriva alla sua fedele clientela. Ad esempio la ricevitoria per il Totocalcio. Aveva due grandi passioni Franco, la collaborazione ad una delle prime “radio libere” di Brindisi, Radio New Time, l’organizzazione di tornei di calcetto (alcuni memorabili all’interno del centro “Buscicchio”) ed il calcio in generale e poi  Vasco Rossi. Una estate realizzò sul retro del bar un servizio di tavoli all’aperto ed aggiunse un piccolo forno: il Bar Raffaello era diventato anche pizzeria. Tale passione per la ristorazione lo portò a quella che è stata la sua ultima realizzazione. Verso la fine degli anni Ottanta, sulla scia del Bar Raffaello, nasce il “Bar Mantegna”. Franco aveva rilevato la gestione del piccolo bar del centro sportivo “Buscicchio” e come era nel suo carattere lo aveva trasformato più volte apportando tante modifiche anche fisiche, strutturali., fino alla realizzazione di quello che era forse il suo “sogno”: una pizzeria all’aperto con servizi ai tavoli, musica e tanto altro. Nacque il bar pizzeria “Al Parco”. In breve tempo l’esercizio di ristorazione a conduzione familiare è diventato un luogo frequentatissimo, soprattutto d’estate. Il quartiere S. Elia e tutta la città oggi hanno perso un pezzo importante.



Top