I SINDACATI DICHIARANO LO SCIOPERO DEI LAVORATORI DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

TRIBUNALE-PROCURA.jpg

Contro il gravissimo stato di degrado della giustizia, in difesa dei diritti dei lavoratori e per la qualità del servizio pubblico.
Contro le carenze di personale paria al 50%. Il personale in servizio (età media circa 57 anni) è demotivato, oberato da carichi di lavoro sempre più pesanti e privato della valorizzazione professionale.
Al Ministro Bonafede i sindacati avevano chiesto assunzioni e valorizzazione del personale ma il Ministro si è dimostrato insensibile alle richieste avanzate non solo nell’interesse del personale dipendente ma di tutti i cittadini per la garanzia della giustizia. Né hanno prodotto effetto gli sforzi delle OO.SS. per indurre l’Amministrazione giudiziaria a rispettare gli accordi presi nel 2017.
Pertanto, fallito lo scorso 30 maggio il tentativo di conciliazione innanzi al Ministro del Lavoro, abbiamo indetto lo sciopero. I tempi rapidi della Giustizia richiedono una vera riorganizzazione del comparto , bisogna finirla con i
soli proclami e passare alla politica del fare. Queste le ragioni che hanno spinto FP CGIL,CISL FP E UIL PA , a proclamare lo sciopero nazionale delle lavoratrici e dei lavoratori dell’Amministrazione Giudiziaria per il prossimo 28 giugno.
Le Segreterie provinciali
Stella Patrizia – Verardi Luigi – Barbera Franc









Top