MAX È STATO ADOTTATO NEL CORTILE DEL COMUNE DI LATIANO

MAX.jpg

Riceviamo e pubblichiamo questo interessante articolo della dott.ssa Teodora Tiziana Rizzo.
Lui e’ Max…un cane dolcissimo segnalato da qualcuno come cane aggressivo…Max ha avuto solo la sfortuna di incontrare sulla sua strada umani che hanno capito ben poco di lui. Umani che si sono fatti condizionare dal pregiudizio che cane randagio e’ uguale a cane pericoloso. Ma, questa volta, l’amore per gli animali, la sfida contro i pregiudizi e la tenacia hanno vinto.Max e’ stato adottato nel cortile del Comune di Latiano. Ora e’ diventato una mascotte .Questo si e’ potuto attuare grazie all’idea del dirigente dell’ufficio tecnico Architetto Giuseppe Muri, sposata subito dal sindaco Avv.Cosimo Maiorano,   dall’amministrazione comunale tutta, da me sottoscritta Assessore ai servizi sociali Dott.ssa Teodora Tiziana Rizzo che con l’architetto ci siamo subito prodigati a garantire a Max una giusta e decorosa sistemazione. Un contributo importante e’ offerto dai volontari dell’Enpa che hanno subito donato a Max una bellissima cuccia e ogni giorno provvedono alla sua cura. Ora Max e’ felice ed attende un umano buono che lo prenda con se’. Per il momento siamo riusciti a scongiurare la chiusura in un canile. Ma quanti Max sfortunati ci sono? In merito a cio’, ho avuto un’ idea che sarebbe bello si potesse realizzare. Nella nostra città ‘ di Latiano abbiamo 42 comunità…Tengo a precisare che la mia idea e’ assolutamente libera e che non voglio condizionare o imporre nessuno. Mi piace immaginare che le comunità che hanno un giardino e spazi, al proprio interno, idonei, prendessero l’impegno di adottare un cane, porterebbero, così, un enorme incremento di benessere psico-fisico ai loro utenti e garantirebbero ai pelosetti accudimento e amore. A volte basta poco ,occorre umanità e collaborazione reciproca. Ovviamente lo stesso discorso e’ valido per quei cittadini che vorrebbero prendere in adozione un cane o un gatto. Spero che questo mio appello venga accolto. Anni fa ho visitato il carcere psichiatrico  giudiziario di Castiglione delle Stiviere. In ogni stanza della struttura, le utenti avevano un gatto. Rimasi profondamente colpita dal senso di amore, di protezione che le utenti riversavano nei confronti degli animali. Non dimentichiamo che e’ scientificamente provato che gli animali hanno un effetto terapeutico sugli esseri umani e sono portatori sani di felicità.Non dimentichiamolo mai…abbiamo tanto da imparare .
Dott.ssa Teodora Tiziana Rizzo
Pedagogista Mediatrice Familiare
Presidente Nazionale INAMEF
Assessore alle politiche sociali



Top