OMICIDIO DEL NIGERIANO: SOTTOPOSTA A FERMO DI POLIZIA LA SUA CONVIVENTE

Squadra-Mobile.jpg

Alle ore 00,44 di ieri 12.03.2018, una persona chiedeva l’invio di una Autoambulanza in via Bastoni Carlo V.

Il personale sanitario giunto sul posto, in un appartamento al secondo piano di uno stabile nella via cui si è accennato, non poteva fare altro che constatare il decesso di un uomo che, successivamente, dalla ricostruzione dei fatti, sarà individuato in un nigeriano, classe 1994 al quale era stata rigettata la relativa istanza di protezione internazionale.

Alle successive 00,55, la notizia giungeva poi alla Centrale Operativa della Questura di Brindisi che provvedeva a indirizzare in quel luogo personale delle Volanti seguito, di lì a poco, da operatori della Scientifica e da investigatori della Squadra Mobile che curavano di salvaguardare la scena dell’evento ed assicurare cose o tracce utili alla ricostruzione dei fatti.

Le conseguenti indagini, condotte tempestivamente dagli investigatori della Squadra Mobile in stretta sinergia e con il coordinamento della locale Procura della Repubblica, si concludevano nella stessa serata con la raccolta di elementi indizianti nei confronti della straniera OKORO Mariat, nigeriana classe 1995, in posizione regolare sul territorio italiano.

La donna, forse al culmine di una lite, non sapeva fornire spiegazione alcuna sul fatto che l’uomo si fosse accasciato in terra dinanzi a lei con profonde ferite al torace.

Così, in ragione del quadro indiziario raccolto, la Squadra Mobile, col coordinamento dall’A.G. inquirente, adottava un fermo di indiziato di delitto nei confronti della citata OKORO per l’ipotesi di reato di omicidio dello uomo sopra indicato.

La straniera, dopo l’adozione del fermo, veniva associata presso la Casa Circondariale di Lecce a disposizione dell’A.G. brindisina.



Top