SANITASERVICE, RIUNIONE A BARI CON LA CISL FP

Sanitaservice-a-bari-2.jpg

A seguito della richiesta avanzata dalla CISL FP di Taranto Brindisi il 18 luglio u.s. si è tenuto presso la sede del Consiglio regionale in Bari, l’audizione della Commissione III (Servizi sociali) condotta dal Consigliere Romano Giuseppe, alla presenza del Direttore Generale della ASL BR e dell’Amministratore Unico Sanitaservice e ovviamente del gruppo Dirigente della CISL FP.

Una produttiva riunione per discutere della Sentenza del Consiglio di Stato n. 358/2018- Giudizio di ottemperanza affidamento del servizio di pulizia e sanificazione Sanitaservice ASL BR – che affligge i dipendenti “pulitori” già in servizio nella società in house aziendale sui quali grava la esternalizzazione del servizio.

L’intento della CISL  è stato quello di evitare che circa  280  lavoratori ritornino nelle mani dell’imprenditoria “privata” e di fare indossare ancora una volta alla Provincia di Brindisi la maglia nera della Regione Puglia, atteso che, in nessuna delle altre ASL della Regione questo problema si è verificato.

Non è accettabile che i lavoratori paghino le conseguenze di problemi che nulla hanno a che fare con il loro volere, ma semplicemente con scelte manageriali del passato poco efficienti“  sostiene Paolo Schettino, Responsabile della Sanita Privata della Cisl Fp di Brindisi.Il quale prosegue “Nel corso dell’incontro, la CISL FP ha preteso oltre alla tutela dei lavoratori da esternalizzare, anche l’avvio delle procedure per i concorsi interni e la stabilizzazione dei precari. Il personale oggi a rischio è già personale formato adeguatamente per sopperire alle deficienze d’organico nel settore dell’ausiliariato e nelle altre categorie internalizzate dalla Società in House. Le proposte della CISL sono state recepite favorevolmente dalla Commissione ma soprattutto dal Direttore Generale Dr. Pasqualone, prendendo l’impegno di spostare il tutto su un tavolo di trattative decentrato che si avrà a breve. In questi giorni porteremo le risultanze di questo incontro ai lavoratori, lo faremo in assemblee pubbliche, sperando (anche se difficile) di poter tranquillizzare in qualche modo gli stati d’animo preoccupati di chi ha paura di ritornare in una fase di precarietà perenne. La CISL nel frattempo rimarrà assolutamente sul pezzo, proponendo e sviluppando al meglio questo percorso. Impediremo che quello che abbiamo costruito negli anni, possa essere distrutto.”

In questa storia pertanto la parola d’ordine è risalire la china di una classifica indecorosa che vede i cittadini di Brindisi e della Provincia tutta, sempre agli ultimi posti.

 

Ufficio Stampa Cisl Fp









Top