TORNEO DELL’ADRIATICO – TERZO POSTO PER I “VOGATORI REMURI – ASD BRINDISI IN VOGA”

remuri.jpg


Si conclude con un terzo posto sul podio del Trofeo dell’Adriatico e del Mar Ionio la stagione agonistica dei Vogatori Rémuri di Brindisi (equipaggio maschile). Un ottimo risultato che arriva dopo l’ultima tappa tenutasi nella splendida cornice del porticciolo interno di Giovinazzo (Ba). Sul gradino più alto si è posizionata la squadra di casa, l’Ass. M. Cervone Giovinazzo, seguita da La Ciurma Vasto e dalla compagine brindisina. Buona anche la prova dell’equipaggio femminile dei Rémuri che ha ottenuto un quarto posto che fa ben sperare per il futuro.
Come consuetudine, il Trofeo è stato un modo per rivivere la cultura e le tradizioni marinare del nostro paese: la tecnica di voga adottata è quella da sempre in uso sulle scialuppe di salvataggio delle navi scuola della Marina Militare Italiana Palinuro e Amerigo Vespucci. Come da tradizione, i brindisini sono stati guidati dall’esperto timoniere e capitano Francesco Romanelli, vera anima della squadra.

“C’è grande soddisfazione per l’andamento complessivo delle gare – commenta il presidente dell’associazione e vogatore Antonio Romanelli – i più vivi complimenti vanno a tutti i nostri atleti, soprattutto alle donne che, nonostante le difficoltà, sono riuscite a raggiungere un traguardo importante. All’inizio dell’anno sembrava quasi impossibile ipotizzare il risultato che abbiamo ottenuto. In squadra ci sono veterani e nuove leve che hanno iniziato a vogare recentemente. L’entusiasmo non manca e proveremo a migliorarci in vista della prossima stagione. I Rémuri sono i più titolati nella storia del Trofeo e hanno il dovere di ambire al massimo. Personalmente, ringrazio i miei genitori, entrambi atleti, che mi hanno insegnato i valori sani dello sport e del sacrificio. Mio padre, Francesco Romanelli, dedica tutto il suo tempo a questa disciplina, riuscendo nella non facile impresa di allenare e stimolare il nostro equipaggio. Per il resto, mi auguro che l’Amministrazione Comunale cittadina possa mantenere vivo e concreto il suo interesse nei nostri confronti come è stato dimostrato durante la tappa di Brindisi del 15 luglio con la visita del neo Sindaco Riccardo Rossi. Spero anche che le aziende private che ci hanno sostenuto fino a ora continuino a farlo. La voga è una sport cenerentola fatto di pochissime risorse economiche e di tanta passione. Brindisi ha una tradizione da rispettare e da valorizzare, per questo l’impegno dell’associazione è destinato a crescere in futuro”.

Alla fase di premiazione della tappa di Giovinazzo, in rappresentanza della Presidenza Nazionale del Csi, sono intervenuti il vice presidente nazionale Marco Calogiuri ed il direttore Area Sviluppo del Sud e Gemellaggi Salvatore Maturo che hanno ringraziato il Csi Molfetta per il lavoro e l’impegno profuso nel corso della manifestazione, la società M. Cervone, l’equipe dei giudici del Comitato Csi di Molfetta guidato da Massimo Tavella e tutti gli equipaggi presenti.
I riconoscimenti dei vertici del Csi sono andati a Peppino Cervone, patron della manifestazione che porta il nome del figlio scomparso in giovane età e a Francesco Romanelli, figura storica dei vogatori pugliesi.

Durante la stagione appena conclusa, l’equipaggio femminile dei Rémuri ha potuto contare sull’apporto di: Francesca De Micheli, Gianna Cristofaro, Adelaide Molfetta, Anna Motolese, Mihaela Mihai, Marina Cito, Diana Miraglia, Mariella Lomartire, Maria Stella De Candia, Simona Prudentino, Giada Fortunato, Elisa Pizzolante e Federica Romanelli.
La squadra maschile: Massimiliano Nani, Angelo Fontò, Antonio Romanelli, Filiberto Cantoro, Francesco De Paola, Teddy Zammillo, Giuseppe Di Coste, Vincenzo Maggiore, Antonello Quitadamo, Dario Cozzoli, Ettore Scivales, Domenico Miggiano e Daniele Forleo.



Top