UDC – SU TUTURANO TANTE PAROLE, MA IN TRE MESI NESSUN INTERVENTO

Via-Vittorio-Emanuele-Tuturano-2.jpg

Ecco la nota dell’Udc:

Al Sig. Sindaco di Brindisi

Agli Assessori dei Servizi Sociali e Lavori Pubblici

Oggetto: Tuturano

Siamo a metà settembre e, a quasi 3 mesi dall’insediamento della nuova giunta Rossi al Comune di Brindisi, ci saremmo aspettati qualche intervento nel quartiere di Tuturano.

Nonostante  le varie sollecitazioni pervenute da esponenti politici e dal mondo dell’associazionismo circa le varie problematiche che persistono a Tuturano, e il recente sopralluogo effettuato da diversi amministratori e dirigenti i quali avevano assicurato che a breve ci sarebbero stati alcuni interventi in modo particolare quelli che riguardano scuole, palestre e percorsi per arrivarci,  nulla ancora è stato fatto circa:

  • L’area che ospita il Cristo Redentore e i lavori di manutenzione della Scuola materna di Via Rossini pur essendo tutto pronto.
  • Interventi di falciatura delle erbe spontanee e derattizzazione e disinfestazione della frazione in modo particolare nei pressi delle scuole e palestre dove l’erba è più alta dei ragazzi.
  • la sistemazione del manto stradale di Via V. Emanuele – Via Colemi e Via Stazione dove a causa delle piogge i portoni delle abitazioni sono inutilizzabili. Le somme sono disponibili dai mutui della Cassa Depositi e Prestiti già dall’amministrazione commissariale,  e per la quale con i ribassi di detta gara chiediamo che vengano spesi sulle stesse strade per farne dei dossi a passaggi pedonali per rallentare tutte le auto per le varie direzioni.
  • La sistemazione del piazzale antistante la Chiesa MariaAddolorata con i residui della rigenerazione Urbana dopo l’approvazione dei rendiconti.
  • la sistemazione del parco della Gioia con una migliore viabilità
  • la gara per la gestione di un chiosco nei pressi della nuova zona a servizi.
  • L’illuminazione di Via Traetta oltre all’apertura del prolungamento atteso da oltre un anno.
  • la predisposizione di alcuni lampioni in via Del Pianoforte e Via della Chitarra.
  • la presenza costante di una pattuglia dei Vigili Urbani negli orari di maggiore flusso.

Mentre un discorso a parte lo faremo per quanto attiene la destinazione di alcune opere oggetto d’intervento della Rigenerazione Urbana.

Un’attenzione particolare la merita il Centro Dinamicizzazione pronto da circa due anni, tra l’altro uno passato  per decidere di non decidere. Lo avevamo scritto più volte in questi anni del bando di gara molto “blando” e oggi ci troviamo che anche il Tar  su richiesta di uno dei concorrenti al bando di gara per la gestione del Centro conferma  l’esito della Commissione di gara sulla non aggiudicazione. Intanto il Centro di Dinamicizzazione viene vandalizzato e forse ci vorranno altri soldi per rimetterlo nelle condizioni in cui era stato completato.

Adesso aspetteremo quando l’assessore Covolo riterrà convocare le parti sociali del territorio come sta facendo negli altri Quartieri, ma noi riteniamo che non debba perdere altro tempo e che proceda a nuova gara per la gestione. Non ci interessano le cose pasticciate o caserecce come si intravede dalle pur scarne dichiarazioni rilasciate dall’assessore agli organi d’informazione: quella struttura è nata su basi serie e con un percorso condiviso dalla progettualità e dalla cittadinanza.



Top