A2A BRINDISI: PRESENTATO IL DOCUMENTO DI VIA PER LA CENTRALE A GAS

Centrale-A2A-Brindisi.jpg

Scattano oggi i 60 giorni di tempo per presentare osservazioni, anche fornendo nuovi o ulteriori elementi conoscitivo e valutativi, per il documento di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), presentato un mese e mezzo fa al Ministero dell’Ambiente da A2A Energiefuture S.p.A, in merito al progetto “Centrale di Brindisi: Impianto di produzione con motori a gas”. Chi abbia interesse può prendere visione del progetto e del relativo studio ambientale e poi può presentare in forma scritta le proprie osservazioni, indirizzandole al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Direzione per le valutazioni e le autorizzazioni ambientali, via C.Colombo 44, 00147 Roma. L’invio delle osservazioni può essere effettuato anche mediante posta elettronica certificata al seguente indirizzo: DGSalvaguardia.Ambientale@PEC.minambiente.it.

Il progetto è localizzato nel Comune di Brindisi e prevede, così come da documentazione prodotta, l’installazione di n.8 motori endotermici alimentati a gas naturale, aventi una potenza termica di combustione complessiva di circa 301 MWt, nella Centrale esistente A2A Energiefuture S.p.A. Brindisi Nord, in luogo degli attuali gruppi di generazione 3 e 4, alimentati a carbone, aventi una potenza termica di combustione complessiva di 1.720 MWt, che saranno fermati. Il progetto proposto prevede inoltre di continuare a utilizzare gli alternatori dei gruppi 3 e 4 per il servizio di rifasamento sincrono così come autorizzato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. La stazione di consegna e misura fiscale del gas naturale dalla rete (punto di connessione alla rete Snam) sarà installata all’interno della Centrale. Tutti gli interventi in progetto saranno localizzati all’interno del confine della Centrale. I principali impatti ambientali potenziali connessi alla realizzazione del progetto proposto, come si legge dai documenti presentati, sono ascrivibili alle emissioni in atmosfera e al rumore prodotti dalle nuove apparecchiature installate.



Top