ANCHE LA FIOM INTERVIENE SUL CASO TECNOMESSAPIA: “NON LASCEREMO SOLI I LAVORATORI LICENZIATI”

IMG-20170620-WA0012.jpg

I tempi per una ricollocazione degli ex lavoratori di Tecnomessapia, dipendono dagli investimenti e dalle commesse che il comparto aereo-spazio destinerà in particolare a Brindisi e nel resto della Puglia in generale. La FIOM-CGIL, non vuole illudere i lavoratori, ma li chiama semplicemente e coerentemente alla LOTTA per il DIRITTO al LAVORO. Come FIOM-CGIL, chiediamo che i lavoratori (licenziati per perdita di commesse di Tecnomessapia), siano assorbiti nelle aziende dell’aereo-spazio che hanno ricevuto dalla Regione Puglia finanziamenti corposi per la loro innovazione e per la tenuta occupazionale. Al tavolo regionale presieduto da Leo Caroli abbiamo chiesto che le future assunzioni siano adottate con criteri oggettivi pubblici di anzianità, carico familiare e reddito. La FIOM-CGIL, intende riportare a Brindisi una pratica sindacale in contrasto con il clientelismo, il faccendariato e la corruzione.  Non riusciamo invece a comprendere le dichiarazioni di un esponente sindacale nei suoi spaziali, innumerevoli ruoli, men che meno in quello di sbandieratore aziendale, che peraltro non era presente al Tavolo della Task-Force. I sindacalisti degni di questo nome, dovrebbero comportarsi da sindacalisti, e lasciare alle aziende il ruolo che gli compete e non diffondere false notizie di immediate ricollocazioni che nessuno a mai pronunciato (compreso il Presidente Leo Caroli, che mi ha assicurato che gli sono state attribuite sulla stampa alcune dichiarazioni improprie).

La FIOM-CGIL Brindisi, non lascerà soli i 149 lavoratori licenziati al loro destino.

Lotteremo, strenuamente per la loro collocazione, su tutti i tavoli da quello del governo (MISE) alla Task-Force Puglia, alla Confindustria (apprezzando le dichiarazioni di Angelo Guarini alla stampa) ed in particolare coinvolgeremo le aziende del comparto aeronautico Pugliese e Brindisino affinchè si impegnino a svolgere quel ruolo sociale che gli è dovuto, in virtù dei finanziamenti

Pubblici già goduti, e di quelli futuri.









Top