CIRCOLO DELLA VELA, TITI PASSA IL TESTIMONE A MALTINTI: “NEL SEGNO DELLA CONTINUITÀ”

Screenshot_20200121_200623.jpg

di Carmen Vesco

Ha passato il testimone all’amico Fabrizio Maltinti, Ufficiale della Marina Militare “a riposo” dal 2012, con il Co senso unanime di tutto il consiglio direttivo. Teo Titi, dopo sei anni di onorata presidenza del Circolo della vela di Brindisi, lascia per troppi impegni di lavoro che lo tengono lontano dal suo ruolo più del dovuto. O di quello che lui ha ritenuto giusto.

“Sei anni sono volati, ma resto nel direttivo e mai avrei lasciato se non avessimo avuto già il nuovo presidente: un nome su cui siamo tutti d’accordo che proseguirà nella direzione che tutti noi abbiamo intrapreso per il bene del Circolo e di tutta la città di Brindisi” ha spiegato Titi, in barba a chi ha anche solo sospettato un terremoto all’interno dei membri dello storico circolo di vela. “No, no, nessun terremoto, nessuna discussione, troppe ore e troppi giorni della mia vita le trascorro lontano dalla mia città per lavoro, e le nostre attività qui meritano una presenza più assidua e costante, faccio un passo indietro per il bene del circolo, ma resterò sempre a disposizione, in un ruolo nuovo, dando tutto il supporto che le attività dell’anno appena iniziato richiederanno” ha detto.

Per Titi il “suo” Circolo della vela non è stato e non sarà solo regata, ma anche educazione e sensibilizzazione al mare, all’amore per le giovani generazioni da avvicinare a questo fondamentale elemento della vita di ogni brindisino, con il rispetto che può contraddistinguere solo chi per mare ci va in vela. “Questo porterò con me, il grande orgoglio di aver visto crescere piccoli velisti, ben oltre i corsi promossi dalle scuole. I nostri corsi hanno avviato veramente tanti bambini all’agonismo: sono ragazzi cresciuti insieme al Circolo, con i quali abbiamo creato un team di agonismo, vanno a fare le regate in giro per la Puglia. Questo vuol dire davvero fare affezionare i giovani al mare, non tanto la scuola in sé per sé che una volta terminata spariscono” ha commentato Titi.

Sono circa trenta i piccoli velisti a cui Titi si riferisce, che tra le motivazioni per avvicinarsi a questo meraviglioso sport che vive un connubio unico con la natura, avranno vissuto senz’altro il fascino della mitica regata Brindisi-Corfù. Ma sarebbe troppo facile ringraziare per queste emozioni forti, come il trentennale della regata o la festa di celebrazione del cinquantennale Ail nazionale che la scorsa edizione ha portato finanche le Frecce Tricolore a salutare la partenza con uno spettacolare sorvolo in una domenica assolata di metà giugno. Indimenticabili momenti, questo è indiscusso, e sarebbe anche troppo banale per un presidente uscente citarli tra ricordi indelebili e Titi lo sa bene.

“Ringrazio – ha aggiunto Titi e arrivano, come sempre, i commossi ringraziamenti, doverosi anche quando si saluta una scrivania per spostarsi solo nella stanza accanto – prima di tutto la mia città e i miei concittadini che hanno amato quanto e più di noi le nostre attività, contribuendo nella maniera più significativa di tutte e fare grande il nome della Regata Brindisi-Corfù, e la Regata quello del Circolo. Senza di loro nessuna delle nostre attività avrebbe oggi la eco che ha. Ringrazio i nostri collaboratori stretti: Claudia De Donno per l’aiuto nella Brindisi-Corfù, Alessia Maltinti segreteria del circolo e l’istruttore Mauro De felice per l’amore con il quale segue i ragazzi della scuola. E ringrazio tutto il vecchio consiglio direttivo composto da Mimino Cataldi, Dario Pinto, Antonio Giannuzzi, Marcello Pais, Fabio Aiello, Giampaolo Bottinelli, Lilli Colelli e Nino Caso” ha concluso l’ex presidente. La votazione per il nuovo presidente, però, si terrà questo pomeriggio alle 18. Intanto, ufficialmente si sa che sono stati eletti i revisori dei conti: Alberto Leoci, Lilli Colelli e Fabrizio Passarelli e i probiviri: Luigi De Bernardi, Marcello Orlandini ed Eugenio Gazzaneo.

Il nuovo presidente Maltinti, quaranta anni nella Brigata Marina San Marco, laureato in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali, è già un nome noto in città in quanto esperto di strategia e di relazioni internazionali, e autore di un importante libro – documento di analisi dei conflitti e delle dinamiche internazionali, è stato anche portavoce della Nato nel corso di svariate live press-conference.

“Sono onorato dell’incarico ricevuto e ringrazio per la fiducia il consiglio direttivo. Spero di fare bene anche solo in parte quando sono stati in grado di fare i miei predecessori Teo Titi e Livio Georgevich. Assumo questo ruolo con grande rispetto verso il Circolo, ma prima di tutto verso la città di Brindisi” ha commentato Maltinti.

“Proseguiremo nel percorso intrapreso dalle scorse presidenze, a partire dalla Brindisi – Corfù, fino a puntare sempre più al coinvolgimento dei cittadini nella scuola di vela, e come ha già detto Teo Titi, investendo principalmente sui nostri giovani” ha sottolineato. 









Top