DOMANI SIT-IN DEI COBAS CON I LAVORATORI DELLA SANTA TERESA

Santa-Teresa-sul-tetto-5.jpg

Il Sindacato Cobas organizza un sit in Lunedì 20 Novembre alle ore 9,00 davanti il Palazzo della Provincia in via De Leo con i lavoratori della Santa Teresa che aspettano nella stessa giornata una risposta dalla Provincia sulla richiesta sempre più impellente di tornare a lavoro .

Il Sindacato Cobas denuncia l’operato della Provincia che pur lamentandosi della scarsità dei fondi a disposizione deve intervenire per legge   sulle strade provinciali messe sempre peggio , con canali che necessitano soprattutto con le piogge di una buona pulizia , con erbacce che impediscono la visuale alla circolazione dei mezzi , sulla manutenzione delle scuole.

A proposito di servizi importanti sembra che una ex dipendente in pensione della Provincia abbia svolto del lavoro nero negli uffici della Gestione entrate pubbliche

Una richiesta pressante , quella di tornare a lavoro , presentata dai lavoratori nel corso di un incontro tenutosi in Provincia nella giornata di Giovedì 16 Novembre in cui si è fatto il punto della situazione della vertenza Santa Teresa.

Intanto è arrivata la convocazione per Venerdì 24 Novembre ore 11,00 a Bari presso la Task Force occupazione presieduta da Leo Caroli per il tavolo di monitoraggio dell’accordo del 28 Dicembre dello scorso anno.

Il Cobas , nel corso dell’incontro svoltosi in Provincia , ha esposto il lavoro svolto in queste settimane per arrivare ad una buona soluzione della vertenza.

Abbiamo incontrato più volte i responsabili della Prefettura che ha preso l’impegno di convocare il presidente della Regione Puglia , Michele Emiliano , per la prossima riunione per la Santa Teresa.

Alla Regione si chiede di restituire alla Provincia le somme spese per attività che per legge passate in capo alla Regione ma realizzate per tanto tempo ancora dall’Ente , su cui peraltro è in piedi una controversia giudiziaria.

Dall’altra l’Assessore Regionale al Lavoro , Sebastiano Leo , cj ha informato che la Regione Puglia ha scritto ai ministeri interessati per una possibile proroga della cassa integrazione in deroga ,che scade il 28 Dicembre di quest’anno.

La possibilità di una proroga della cassa integrazione permetterebbe anche la piena realizzazione dei corsi programmati che per burocrazia stanno subendo dei gravi ritardi per il loro avvio .

Intanto il Senatore Tommaselli , nel corso di una assemblea di lavoratori Santa Teresa,  informava i presenti della presentazione in questi giorni di un emendamento alla legge di bilancio nella apposita commissione.

L’emendamento prevede   che il disavanzo di bilancio delle province possa essere spalmato su dieci anni , cosa che farebbe trovare nuovo vigore alle stesse.

Intanto non si riesce   a quantificare quante risorse economiche spettano alla provincia di Brindisi per il prossimo anno ,  da   cui capire la quantità di risorse disponibile per la Santa Teresa.

Ancora una volta una corsa contro il tempo contro la procedura di licenziamento avviata nelle settimane scorse dalla Santa Teresa…..ma la lotta continua

Per il Cobas Roberto Aprile









Top