IMPRESE LOCALI ESCLUSE DALLA COSTRUZIONE DELLA TORCIA A TERRA. LA DENUNCIA DI GENTILE (CNA)

  • Petrolchimico-1.jpg

Una gravissima denuncia arriva oggi – attraverso un articolo del Quotidiano di Puglia – dal Presidente della Cna della provincia di Brindisi Franco gentile. Il riferimento è alla costruzione di una torcia a terra all’interno del Petrolchimico di Brindisi. Un investimento atteso dai brindisini per questioni di carattere ambientale e per mitigare l’impatto visivo  e che richiederà almeno 50 milioni di euro. Ebbene, ad autorizzazioni ottenute, Versalis ha pensato bene di affidare tutte le commesse ad aziende provenienti da altri territori.

Un fatto che è a dir poco intollerabile per un territorio che ha pagato a caro prezzo (anche in termini di vite umane) la presenza di un petrolchimico a così poca distanza dalla città. Quando si tratta, però, di attribuire dei “ritorni” in termini economici ed occupazionali, si fa ricorso ad imprese che arrivano da fuori, pur sapendo che a Brindisi esistono le potenzialità per costruire impianti come la torcia a terra.

“Se la cosa fosse confermata – afferma Gentile al Quotidiano – sarebbe grave la totale mancanza di considerazione per le nostre imprese, visto che non sono state invitate neanche a formulare una offerta, nonostante si tratti di attività non specialistiche e peraltro normalmente operate da molte aziende locale”. Gentile, poi, ha chiesto al sindaco Riccardo Rossi di svolgere un ruolo di mediazione “perché le aziende impegnate in questi nuovi investimenti nell’ambito del Petorlchimico forniscano adeguate e puntuali spiiegazi8oni sulle questioni appena citate”.

Tra l’altro, oltre alla torcia, c’è un altro fatto grave avvenuto all’interno del Petrolchimico, visto che la società Eni Rewind (ex Syndial) ha affidato a ditte di fuori provincia anche le operazioni demolizione degli alloggi per dipendenti e delle villette per dirigenti.

Adesso non resta che attendere una decisa presa di posizione da parte della “politica”, oltre che delle organizzazioni sindacali. Il silenzio non giova a questo territorio.









Top