LA SOCIETA’ TELEMEDICINE FOR HEALTH CARE SOLUTIONS DI BRINDISI  FRA I VINCITORI DEL PREMIO INNOVA S@LUTE 2017

telle.jpg

Sei progetti premiati a Roma all’ultima giornata del Forum di Innovazione per la salute di FPA e Allea
Nella seconda giornata di S@lute – il Forum dell’innovazione per la salute in programma al Centro Congressi Roma Eventi, il 20 e 21 settembre – sono stati premiate le eccellenze progettuali del panorama salute italiano. Il Premio Innova S@lute è il contest lanciato da FPA e Allea con il supporto incondizionato di Teva Italia per valorizzare progetti che possono dare risposte concrete a crescenti bisogni di salute. Tra i 112 progetti in gara, 6 idee innovative si sono aggiudicate la vittoria.
Tra i vincitori figura anche la società THCS – Telemedicine for Health Care Solutions di Brindisi, con il progetto “ADIGest”, che ha vinto nella categoria infrastruttura di comunicazione e collaborazione tra strutture, professionisti e amministrazioni. Attualmente in uso presso l’ADI della provincia di Brindisi – sono 210 gli operatori tra domiciliari e amministrativi inseriti nel progetto – ADIGest è un software per la gestione a distanza del servizio di Assistenza Domiciliare Integrata che consente per ogni singolo paziente la realizzazione di Piani Individualizzati, la calendarizzazione degli accessi degli operatori, l’erogazione a domicilio di prestazioni e telediagnosi tramite Smartphone, la rendicontazione di accessi e prestazioni per periodo. Per ulteriori informazioni sul progetto http://www.forumpachallenge.it/soluzioni/adigest.

Di seguito, gli altri progetti vincitori del premio. Nell’ambito comunicazione con cittadini ed utenti ha vinto premio il “Club degli Innovatori Sanità a km Zero” di Regione del Veneto – Arsenàl.IT; nell’ambito integrazione socio-sanitaria medicina di prossimità e presa in carico degli anziani, dei cronici e delle fasce deboli il progetto “Integrazione socio-sanitaria al servizio dei cittadini” dell’Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Taranto; nell’ambito educazione alla salute e al wellbeing (educazione alimentare, fitness, monitoraggio, wearable, ecc.) “MyCyFAPP” di imaginary srl; nell’ambito Innovazione nel campo clinico-sanitario “Bambini liberi” di Fondazione Santobono Pausilipon onlus; nell’ambito amministrativo/gestionale “LogOs® Logistica Ospedaliera Integrata” di Zanardo Servizi Logistici.

“Ormai è chiaro a tutti che il digitale è l’ecosistema in cui il settore della sanità si troverà a operare nel brevissimo futuro. Tutti gli operatori della filiera devono rendersene conto e smettere di pensare all’innovazione tecnologica come a un semplice tassello delle politiche per la salute. La sfida è sfruttare la disruptive innovation per crescere e creare benessere equo e sostenibile per tutti. S@lute 2017, anche quest’anno, è stata della partita, sostenendo chi innova, rischia e cerca nuove strade.” commenta Carlo Mochi Sismondi, Presidente di FPA. “Il Premio Innova S@lute ha mostrato come l’innovazione ci sia, ma sia spesso nascosta: per portarla allo scoperto basta dare voce ai soggetti pubblici e privati impegnati sui territori e offrire uno spazio di visibilità a chi si confronta ogni giorno con problemi e relative soluzioni. Il numero maggiore di progetti è stato presentato dalle strutture della sanità pubblica e privata, ma grande è stata anche la partecipazione di startup e piccole e medie imprese innovative”.

Questa terza edizione di S@lute ha voluto dar voce ai molteplici aspetti dell’innovazione, favorendo la condivisione delle informazioni e l’incontro di visioni diverse. Perché l’Italia non è seconda a nessuno su idee e progettualità, anche nel campo della salute. L’elevato numero di richieste di partecipazione al contest Innova Salute – 112 progetti, con un incremento del 10% rispetto all’anno scorso – dimostra quanta sete di cambiamento ci sia. Noi di S@lute 2017 stiamo facendo la nostra parte, ma è necessario il lavoro di tutti, e soprattutto una direzione condivisa.” afferma Alessandro Beulcke, Presidente Allea.

 









Top