“LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL PORTO DI BRINDISI : LOGISTICA, ZONE ECONOMICHE SPECIALI E ZONE FRANCHE” – VIDEO

IMG-20200916-WA0023.jpg

“LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL PORTO DI BRINDISI : LOGISTICA, ZONE ECONOMICHE SPECIALI E ZONE FRANCHE”

#rotaryclubbrindisi

Presso la Sala dell’Università, Palazzo Granafei Nervegna, il Rotary Club Brindisi ha organizzato un interessante Convegno sul tema:”Le prospettive del porto di Brindisi: logistica, zone economiche speciali e zone franche”. Hanno relazionato sull’argomento, Il prof. Ugo Patroni Griffi, Presidente Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale e il dott.Teo Titi, Presidente Operatori Portuali Salentini. È intervenuto l’avv. Roberto Cavalera, Presidente del Rotary Club Brindisi che, dopo gli indirizzi di saluto ai presenti, ha focalizzato l’impegno del Rotary nell’affrontare tematiche attuali per dare risposte concrete alle prospettive di sviluppo che la città di Brindisi si aspetta. Anche nei prossimi incontri che si organizzeranno, si parlerà di tutto ciò che è di particolare interesse per la città. “I porti evolvono se hanno la capacità di adeguarsi ai traffici”. Si è parlato di prospettive, criticità e, soprattutto, della speranza di riprendere in mano le sorti di questo porto. È necessaria la volontà di tutti, degli enti, della politica, affinché si possano affrontare seriamente tutte le criticità. È, ormai, da troppo tempo che si aspettano investimenti, infrastrutture e tutto ciò che serve per uno sviluppo possibile e prossimo del porto di Brindisi. È evidente la necessità di un porto moderno per i traffici nuovi. Le navi cambiano e i porti devono assolutamente adeguarsi ai traffici. Anche durante il recente lockdown, i traghetti non si sono mai fermati perché trasportavano merci, non persone. Per quanto riguarda le navi da crociera, oggi sono diventate delle vere e proprie città viaggianti. Le navi si evolvono e, contemporaneamente, le modalità di alimentazione. Il porto deve “adattarsi” alle navi e, purtroppo, quello di Brindisi è rimasto fermo negli ultimi 10 anni. Tante sono le iniziative e gli interventi programmati. La città di Brindisi ha un porto che, per la sua invidiabile posizione, può avere grandi opportunità, sempre che abbia la capacità di coglierle. È intervenuto, anche, il Capitano di Vascello Giovanni Canu, Comandante della Capitaneria di Porto di Brindisi, che ha approfittato dell’occasione, per salutare la città, prima della sua prossima destinazione. Anna Consales

 

 









Top