LEUCCI COSTRUZIONI, FIOM CGIL: “L’ENEL PAGHERA’ TUTTE LE MAESTRANZE”

fiom-leucci.jpg

La giusta legittima richiesta della FIOM CGIL Brindisi, della applicazione della legge BIAGI a tutti i lavoratori dell’ appalto LEUCCI COSTRUZIONI, quindi non solo di chi ha operato materialmente nella centrale ENEL di CERANO, comprenderà anche gli impiegati e i lavoratori delle officine LEUCCI COSTRUZIONI, che comunque operavano per detto appalto. L’ ENEL come committente ha riconosciuto che a norma di legge è obbligata a pagare direttamente le maestranze della LEUCCI COSTRUZIONI, in caso di mancata corresponsione delle retribuzioni da parte dell’appaltante.Tesi rivendicata da subito dalla FIOM Brindisi, supportata dall’ufficio legale della CGIL ( avv. Tonia D’Oronzo e Paolo Di Schiena) in tutte le assemblee dei lavoratori, in Confindustria, in Prefettura, in task Force regionale.
Oggi che giustamente l’Enel ha riconosciuto la giusta causa della FIOM CGIL Brindisi, dando una boccata d’ossigeno non solo ai manutentori, ma anche agli impiegati e alle maestranze delle officine, nella percentuale che l’ENEL ritiene per il momento essere obbligata a rispettare (tenendo conto che ci sono anche altre committenze della LEUCCI, che a tutt’oggi si sono più volte assentate dalle convocazioni della task Force presso la Prefettura di Brindisi) insieme alle altre committenze.

Per quanto ci riguarda noi della FIOM CGIL Brindisi, siamo soddisfatti non solo per aver avuto ragione dal primo momento, ma soprattutto per aver recuperato salario per tutti i lavoratori.

Angelo LEO
segretario generale
FIOM CGIL Brindisi









Top