ORDIGNO BELLICO: VERTICE IN PREFETTURA – VIDEO

evacuazione.jpg

Evacuazione del 15 dicembre: le ultime raccomandazioni e prescrizioniConferenza stampa in Prefettura
“Di quest’ordigno è stato fatto un caso qui a  Brindisi, ma non è un caso. Di queste bombe inesplose ne abbiamo trovato a migliaia in questi anni e qui, in questo territorio, decine e decine”. Si è espresso così il colonnello degli artificieri, Gruppo Guastatori” di Foggia, Antonello Gatto, nel corso della conferenza stampa di questa mattina in Prefettura, per spegnere le polemiche in merito all’evacuazione del 15 dicembre di 53 mila cittadini di Brindisi per il disinnesco dell’ordigno ritrovato ip 2 novembre nei pressi del cinema Andromeda, al quartiere Bozzano. “Ogni ordigno ha storia  sé – ha continuato – e tutto dipende dalla collocazione, dal grado di umidità presente nel suolo, dal quantitativo di esplosivo. Qui, c’è un aggravante. La rottura della spoletta dell’ordigno ritrovato fa sì che un  minimo urto non controllato può far scattare l’interruttore di innesco. Da qui la pericolosità delle operazioni che saranno portate avanti da un robot che agirà sull’ordigno, telecomandato a  distanza. Le operazioni dureranno un paio di ore, ma non sappiamo a che era inizieranno. Poi, probabilmente lunedì 16 dicembre, faremo brillare la bomba in una cava di Autigno, in territorio di Brindisi”. Fin qui le motivazioni tecniche. Anche il Prefetto, Umberto Guidato, e il sindaco Riccardo Rossi, hanno risposto alle polemiche  di questi giorni, scaturite anche dalle dichiarazioni dell’on. Mauro Dattis, sull’enorme massa di brindisini che dovranno lasciare le proprie case, sia in zona rossa che in zona gialla., in una circonferenza che ha un raggio di 1600 metri circa. “Questo è il protocollo – ha detto il sindaco Rossi – basato su motivazioni tecniche degli artificieri. Raggio di 1600 metri e altezza di 1000 mt. E noi, per questioni di sicurezza, ci siamo attenuti scrupolosamente. Non mi interessa cosa hanno fatto in altro luoghi. Probabilmente c’erano altre condizioni. Tutto qui. Noi facciamo un’ordinanza sindacale sulle prescrizioni da adottare sulla base delle motivazioni tecniche che gli esperti ci dicono”. Il Prefetto, anch’egli allineato con la posizione del sindaco in merito all’evento che coinvolge 56 mila cittadini, e che firmerà un’ordinanza apposita, ha anche detto che il tutto era pronto per questa domenica, 8 dicembre, ma che si è preferito posticipare di una settimana per far trascorrere ai brindisini, nelle proprie case e con le proprie famiglie, la festa dell’Immacolata.
Sicurezza del territorio, blocco di treni, aerei, delle vie di accesso alla città e del gas
Durante la conferenza stampa, sono state date alcune prescrizioni in merito al blocco ferroviario, aereo, stradale e dell’erogazione del gas. La stazione ferroviaria sarà chiusa alle 7.30. L’ultimo treno in partenza sarà il Lecce-Venezia delle 7.29. a bordo saliranno sette passeggeri che avevano già acquistato il biglietto. Da qualche giorno le varie biglietterie non accettano più prenotazioni da e per Brindisi per il 15 dicembre. Lo spazio aereo brindisino sarà chiuso dalle 9.30 alle 12.00, gusto il tempo per concludere le operazioni di disinnesco. Saranno chiuse alle 7.30 le vie di accesso in città e il territorio sarà controllato da centinaia di uomini e donne delle Forze dell’Ordine, coordinate dalla Questura, e da un drone sofisticato, utilizzato per la prima volta in Italia, e da altri piccoli droni sparsi nella zona. Le immagini saranno monitorate secondo per secondo nella centrale appositamente allestita della Questura di Brindisi. Il controllo del territorio da parte delle Forze dell’Ordine, con Carabinieri, Polizia, Guardia di Finanza e corpi di volontari, inizierà già sabato pomeriggio. L’erogazione del gas sarà chiusa solo per la zona rossa, quindi per le abitazioni comprese nel raggio di 500 metri dal sito dell’ordigno. Il sindaco ha ribadito che se qualche cittadino, che non sia allettato, per i quali ci sono altre procedure, vorrà restare a casa, ne risponderà penalmente per aver disatteso un’ordinanza sindacale, e, in caso, di danni a sé stesso o alle sue cose, ne sarà unicamente responsabile.

 

 

ORDIGNO BELLICO: IL SINDACO ROSSI SULLE POLEMICHE UN MERITO AL RAGGIO DI SICUREZZA – VIDEO

 

LA CAVA DOVE VERRA’ FATTO BRILLARE SI TROVA A BRINDISI, IN CONTRADA AUTIGNO. E’ DI UN PRIVATO . NE PARLA IL PREFETTO NELL’INTERVISTA – VIDEO

 

VERTICE ORDIGNO BELLICO: INTERVENTO DEL COL. ANTONELLO GATTO, COM GUASTATORI DI FOGGIA – VIDEO









Top