SOMMOSSA CONTRO L’INVIO DI TRUPPE IN ALBANIA. A 100 ANNI UN’INIZIATIVA A RICORDO…

Artiglieria-albanese-durante-la-guerra-di-Valona-contro-gli-italiani-nel-1920.jpg

An Albanian artillery post high up over the sea. Essad Pasha officially declared war on Austria and claimed he had 20,000 men at his disposal, valuable help for the Montenegrins. ca.1915 Albania

ANPI Brindisi organizza a Brindisi lunedì 29 giugno 2020, alle ore 19, nello spazio aperto delle ex Scuole Pie o Corte degli Artigiani una breve cerimonia alla presenza del Sindaco, di Cgil, Arci, Libera, Fondazione Gramsci, Ipsaic. Un secolo fa, il 29 giugno del 1920, a Brindisi ci fu una sommossa popolare contro l’invio di truppe in Albania, definita la rivolta degli arditi. Sarà ricostruita la storia della lotta per l’indipendenza nazionale del popolo albanese e la solidarietà internazionalista e anticoloniale della popolazione italiana, di operai, contadini e artigiani contro le guerre. La ribellione a Brindisi il 29 giugno degli Arditi d’Italia, appoggiati dalla popolazione, fu tra gli eventi più importanti di quel ciclo di lotte. Il movimento di soldati e di popolo fu una reazione forte contro la prospettiva di un’altra guerra, dopo aver patito la Grande Guerra. Nella storia italiana vi era già una robusta e radicata tradizione di pacifismo internazionalista, di opposizione alla guerra e contro le imprese coloniali, ispirata dai movimenti di popolo con i socialisti e gli anarchici. I fatti di Brindisi accaddero dopo la rivolta degli Arditi a Trieste l’11 di giugno e l’ammutinamento dei Bersaglieri il 26 giugno ad Ancona, a cui si unì il popolo.

ANPI Brindisi









Top