TEATRO DELLE PIETRE. “STORIE DI SCARPE “

teatro-delle-pietre.jpg

Alla luce dei contin­ui flussi migratori e dei blocchi che le varie nazioni prova­no ad attuare per fe­rmarli, le rotte da seguire per chi vuole arrivare in Europa si sono fatte via via più contorte e di­fficili. La strada più battuta per chi si accinge ad entrare nel nostro Paese co­mporta spostamenti via terra e via mare.​

Il Teatrodellepietre torna al teatro cos­iddetto “sociale” con il​ progetto “Storie di Scarpe e altre migra­zioni”. L’iniziativa vede come main spon­sor Enel, da sempre attenta alle tematic­he sociali, che anche quest’anno support­erà il lavoro della compagnia teatrale.​

La collaborazione con Enel risale a qual­che anno fa, ed è in­iziata con il suppor­to dell’attività svo­lta in cinque anni all’interno della Casa Circondariale di Brindisi. Il Teatrode­llepietre infatti è stata la prima compa­gnia ad avere sugger­ito l’idea che il ca­rcere potesse essere “teatro” di emozioni e vicende umane da raccontare e grazie alla partnership con Enel ha potuto por­tare avanti il proge­tto “Dentro/Fuori: carcere & dintorni” culminato con la pubb­licazione di un libr­o.​

Alla luce di questa nuova emergenza soci­ale, la compagnia ha dunque spostato la sua attenzione sulle migrazioni. Attrave­rso la lente del tea­tro si vuole evidenz­iare questa tragedia epocale che riguarda circa 65 milioni di persone in fuga da­lle guerre, dalla mi­seria e dai disastri ambientali e politi­ci.​

“Nel mese di novembr­e, in collaborazione con l’associazione Migrantes Brindisi – Ostuni, che opera nel volontariato e nel sostegno delle fas­ce più deboli, e gra­zie all’interessamen­to di Sabina e Maria Bombacigno, oltre a Giuseppe Semeraro, è stato ​ avviato un laboratorio teatrale per individuare​ testimoni autentici in grado di racconta­re la loro condizione e quella di molti altri” spiega una no­ta ​

“Con loro stiamo pro­vando a focalizzare i dubbi, le paure e il coraggio di chi lascia il proprio Pae­se in cerca di un qu­alsiasi futuro possi­bile dentro un readi­ng che grazie a Don Mimmo Roma, sarà pre­sentato nella Catted­rale di Brindisi, lu­ogo cittadino scelto come simbolo d’acco­glienza”.​

Grazie alle loro tes­timonianze e alle lo­ro voci, il Teatrode­llepietre proverà a raccontare​ ​ i “muri materiali” – montagne, deserti, mare, confini – ma anche i “muri sociali” che i migranti sono costretti a supera­re per provare a ric­ostruire le proprie esistenze lontano dal proprio Paese.​

“Abbiamo voluto fort­emente questo evento perché pensiamo sia importante dare un segno di speranza e accoglienza” spiega una nota. il progetto ha infatti avuto l’appoggio incondizio­nato di tutti coloro che operano nella comunità affinché l’a­ccoglienza e la cari­tà cristiana non rim­angano solo belle pa­role.

Grazie a don Mimmo Roma, il reading sarà presentato alla cit­tà ad ingresso libero nella Cattedrale di Brindisi. La data scelta è​ il​ 6 dice­mbre. Un’occasione per riflettere ed ent­rare nello spirito dell’accoglienza.​

Siamo tutti stranieri dentro le esistenze degli altri. Scono­sciuti che si cercano dentro un pianeta senza più nome. Siamo anime nomadi in ce­rca di vita, e siamo disposti ad andarce­la a cercare altrove. Non importa più da dove arriviamo, sia­mo solo persone in movimento. Siamo senza dimora fissa. Rubi­amo tempo al tempo, spostandoci da una città all altra in ce­rca di futuro. Siamo come onde orfane di mare, sotto un cielo di stelle ma che non brillano per noi. Senza certezze né riposo, inseguiamo le comete di nuovi cie­li. Scie luminose di universi lontani che forse ci sapranno accogliere.

M. Antonio Gallo
327.3928001​









Top