VENERDI’ LA PRESENTAZIONE DEL VOLUME “RAFFAELE BELAZZI” DI DANIELA RUCCO

BELAZZI.jpg

Presentazione del volume Raffaele Belliazzi (1835-1917) di Daniela Rucco

Venerdì 15 novembre 2019 ore 17.30, Palazzo Granafei-Nervegna, Brindisi

Il 15 novembre 2019, presso la Sala conferenze del Palazzo Granafei-Nervegna, in via Duomo a Brindisi, sarà presentato il volume Raffaele Belliazzi (1835-1917), della storica dell’arte Daniela Rucco. La monografia, edita per i tipi di Congedo Editore, è dedicata alla figura dello scultore verista attivo a Napoli tra la seconda metà dell’Ottocento e i primi anni del Novecento, attraverso degli studi che trovano il contesto culturale nell’ambito delle arti figurative nell’Italia meridionale della seconda metà del XIX secolo. Raffaele Belliazzi fu riconosciuto dalla critica del tempo tra i maggiori esponenti della scultura napoletana del XIX secolo, al fianco dei più noti Vincenzo Gemito, Achille D’Orsi, Giovan Battista Amendola.
L’autrice ricostruisce le principali vicende biografiche e l’itinerario artistico dello scultore, con la ricerca del corpus delle sue opere e il riordino filologico di documenti d’archivio, cataloghi, volumi e recensioni critiche. I risultati delle indagini storico artistiche, articolati nelle pagine del volume ricco di immagini, si compendiano nel primo saggio interamente dedicato all’arte di Belliazzi, che negli anni sessanta, fu tra gli animatori della nota Scuola di Resina, assumendo la carica di presidente del sodalizio dei pittori napoletani.  L’artista improntò il suo linguaggio alla poetica del vero in tutte le sue forme, riprendendo momenti di quotidianità e di vita popolare, raffigurando pastorelli e mandriani, bambine e ciociarelle. Tra le sue tecniche spiccano la modellazione, che esitò in terrecotte e gessi patinati, e l’esecuzione di bronzi e marmi. Fondamentale importanza riveste il reperimento di opere riscoperte, da indicare tra quelle rimaste neglettee di altre, invece, del tutto inedite sino a oggi e conservate in collezione privata. Tra le sue opere più note si ricorda il pastorello che dorme noto come “Il riposo” conservato tra altre versioni, nella terracotta del 1875 acquisita nel 2005 dalla Pinacoteca metropolitana “C. Giaquinto” di Bari.

L’iniziativa è organizzata dall’Associazione Amici dei Musei di Brindisi, attiva nella divulgazione e promozione di attività culturali significative legate al territorio e oltre.

A presentare il libro con l’autrice saranno: Franca Mariani presidente dell’associazione brindisina e il prof.  Massimo Guastella, docente di Storia dell’arte contemporanea, metodologia della ricerca e della didattica dell’Università del Salento, che dirige la collana TASC (Territorio, arti visive e storia dell’arte contemporanea).

L’evento è in collaborazione con Cd’AC, la Collezione d’Arte Contemporanea del Dipartimento di Beni Culturali dell’Università del Salento.









Top