VERSALIS, LE RSU BRINDISI CGIL, CISL E UIL CHIEDONO RITIRO ORDINANZA

versalis.jpeg

Comunicato congiunto RSU BRINDISI CGIL CISL E UIL SERVIZI GENERALI

Abbiamo assistito in questi giorni, a querelle di ogni sorta, comunicati di vario genere, e abbiamo atteso

pazientemente nonostante ci sia in ballo il nostro futuro lavorativo e non, e seppur preoccupati, abbiamo

sempre mantenuto un comportamento educato e rispettoso delle parti e dei ruoli.

Oggi è arrivato il momento, per noi rsu della Brindisi Servizi Generali, di esprimere la nostra opinione in

merito alla questione.

Una situazione questa alquanto anomala, più che altro unica nel suo genere, iniziata con un atteggiamento

autoritario, per meglio dire dittatoriale, del “nostro” sindaco Rossi, che sebbene esercitando in pieno i

suoi poteri, ha arbitrariamente deciso di sospendere l’attività del craking come ormai noto a tutti.

Inutile ripetere per l’ennesima volta, quanto letto e riletto più volte ormai, su quelle che possono essere

le ricadute ditale scellerata decisone, ricadute occupazionali, economiche dei lavoratori e di un intera

città, già messa in ginocchio negli anni da amministrazioni disastrose, come quest’ultima, che meglio non

ha saputo fare se non un azione plateale ai danni del petroichimico, in quello che sa tanto di un ultimo

disperato tentativo per riacquistare consenso.

Con questo comunicato, vogliamo esprimere tutto il nostro disappunto, quello dei nostri colleghi, che da

giorni vivono ormai attanagliati da un angoscia, che non fa bene a nessuno.

Una città sapientemente spaccata in due, una popolazione che legge e commenta quotidianamente, dati

allarmanti ma privi di fondamenta, strategicamente diffusi per creare terrore, dati che vedono ancora

nella giornate di ieri, picchi di benzene al di sopra della media nonostante appunto il fermo dell’impianto.

Ci assumiamo le responsabilità di un comunicato scritto con la pancia, come ci chiedono i nostri colleghi

ed iscritti, un comunicato senza filtri, scritto senza pressioni, senza paura, cosi come dovremmo tutti

affrontare questo difficile periodo.

Nessuno può mettere in discussione la storia del sindacato, a prescindere dai colori e dalle sigle, siamo

da sempre al fianco dei lavoratori, dei cittadini, della salute e della sicurezza, ma in questo momento

storico, soprattutto in mancanza di prove certe che dicano il contrario, siamo in difesa dei dipendenti del

petrolchimico, delle loro e nostre famiglie, del nostro sacrosanto diritto di difendere il posto di lavoro,

cosi come configurato nell’art. 4 della nostra costituzione.

Siamo altresi convinti che si debba aprire un tavolo, parlare di innovazione, di sviluppo, ma dopo e solo

dopo, il ritiro di quell’ordinanza che tiene in scacco 1500 lavoratori, e che crea un precedente pericoloso

per il futuro di tutti.

Brindisi, 29 Maggio 2020









Top