“VI CANTO UNA STORIA”, IL ROMANZO DI KATIA RICCIARELLI PER GLI STUDENTI BRINDISINI

locandinaRicciarelli-e1484669771199.jpg

L’Istituto Comprensivo Santa Chiara, in collaborazione con la Rete degli Istituti Comprensivi e la libreria Feltrinelli di Brindisi,  presenta “Vi canto una storia”,  il primo romanzo per ragazzi di Katia Ricciarelli scritto in collaborazione con Marco Carrozzo. La notissima cantante, attraverso  il racconto di  “fiabe speciali”, ossia di sei opere liriche più famose e certamente più adatte a giovani spettatori, intende avvicinare un pubblico sempre più ampio, a cominciare appunto da quello giovanile, al mondo musicale-operistico. Per questo scopo ha avviato in tutta Italia un progetto rivolto alle scuole primarie e medie che in Puglia ha come capofila l’Istituto “A. R. Chiarelli” di Martina Franca. L’appuntamento è venerdì 20 gennaio alle ore 17.30 a palazzo Nervegna.  Roberta Leporati, dirigente scolastica di Martina Franca e Maria Di Filippo, giornalista,  dialogheranno con gli autori. Interverranno la Sindaca di Brindisi Angela Carluccio, la Dirigente scolastica del Comprensivo S. Chiara, Elvira D’Alò e Girolamo D’Errico Dirigente dell’Istituto Capofila della Rete dei Comprensivi di Brindisi. Durante la serata sono previsti intermezzi musicali del mezzosoprano Giuliana Devicienti, del tenore Luigi De Lorenzo, della pianista Margherita Cavallo, Associazione Amici cantori di Brindisi, degli alunni dell’Istituto Comprensivo Santa Chiara Giorgia Xheraj violinista e Salvatore Protopapa, flautista. Un’opportunità irripetibile per avvicinarci alla magia dell’opera lirica con  L’elisir d’amore,  Il Barbiere di Siviglia,  Il flauto magico,  Hansel e Gretel, La Cenerentola, Falstaff. La finalità principale del progetto sarà quella di formare le nuove generazioni, attraverso l’ascolto, la partecipazione e l’interazione, a farli diventare il “nuovo pubblico”, sensibile, attento, consapevole e critico, che riempirà i teatri e fruirà l’opera lirica con un approccio attuale, moderno, al passo coi tempi, senza mai perdere di vista le potenzialità di un immenso patrimonio culturale-musicale-operistico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Top