ALBANO: UN CONCORSO PER ABBELLIRE LA NOSTRA CITTA’

E’ diffuso in  tantissimi cittadini brindisini il   convincimento   che il rilancio economico, culturale e turistico  della  città, ma anche la sua vivibilità, possa realizzarsi anche, ma forse principalmente, attraverso la cura dell’immagine che riesce a darsi e  ad imprimere nell’animo dei  visitatori, dei turisti e dei cittadini.

In diverse circostanze è stato dichiarato da diverse amministrazioni comunali, che si sono avvicendate in questa città, l’impegno di voler valorizzare il nostro patrimonio culturale, artistico e intellettuale,  di voler valorizzare i nostri  artisti.

Purtroppo, tutto è rimasto confinato nell’ambito ristretto delle parole, dei convegni, delle promesse. Infatti non sono state molte le occasioni che  sono state offerte  ai nostri artisti per mettere in evidenza  le loro capacità. il loro talento creativo, che potrebbe essere indirizzato  alla realizzazione di opere destinate a dare testimonianza della nostra storia, delle nostre tradizioni e della nostra cultura, in grado  di trasmettere sensazioni, appartenenze e valori della nostra comunità.

L’occasione può essere fornita dai mutamenti di viabilità,  che sono avvenuti nell’ambito urbano   con l’introduzione in città di diverse rotonde o spazi liberi,  che hanno creato una serie di luoghi in cui sporadicamente si è tentato di rivelare  questa testimonianza.

Io credo che bisogna rendere più organico questo approccio, utilizzando non solo le rotatorie, ma anche quelle aree verdi o piazze esistenti nella nostra città, come strumento per  identificare e valotizzare il territorio urbano, con interventi di natura artistica, realizzando un percorso di evocazioni, di espressioni e di racconti, resi con il linguaggio narrativo dell’arte della scultura, ma anche attraverso altre forme di espressioni artistiche giudicate idonee.

Si tratta quindi di creare, ove le condizioni tecniche di viabilità lo rendano possibile, un progetto per arredare e/o abbellire quei luoghi   con opere  realizzate dai nostri artisti,  istituendo a questo scopo  un Concorso annuale  finalizzato a premiare l’opera o le opere giudicate migliori, che abbiano saputo interpretare il tessuto e la storia della nostra comunità.

Ma potrebbe essere anche l’occasione per dare maggiore respiro al profumo della nostra storia collocandovi anche  testimonianze del nostro passato Messapico-Romano.

Vincenzo Albano

Condividi questo articolo:
Share on facebook
Share on twitter
Share on telegram
Share on whatsapp

what you need to know

in your inbox every morning