INCONTRO LUNEDI’ 5 SETTEMBRE AL MACRAME’ SU CARO BOLLETTE E RIGASSIFICATORI

INCONTRO LUNEDI’ 5 SETTEMBRE AL MACRAME’ SU CARO BOLLETTE E RIGASSIFICATORI

“Caro bollette, gas, depositi GNL, rigassificatori. Le verità nascoste” sarà questo il tema di un incontro che si terrà presso il centro polivalente MACRAME’ i Via Islanda 87 nel quartiere Bozzano a Brindisi Lunedì 5 Settembre alle ore 18.30. Ospite della serata sarà Angelo CONSOLI, Presidente CETRI-TIRES
Circolo Europeo per la Terza Rivoluzione Industriale. Angelo Consoli da decenni ormai impegnato nella elaborazione di un nuovo modello energetico green di transizione verso una terza di rivoluzione industriale green e di transizione energetica verso le energie rinnovabili e l’idrogeno verde, è stato tra l’altro dal 2004 al 2020, Coordinatore della campagna per l’approvazione delle strategie europee di terza rivoluzione industriale in campo energetico e ambientale (20 20 20 e pacchetto clima energia del 2010 e Pacchetto economia circolare, Energy Union e Green Deal Europeo, ispirato alla visione di Jeremy Rifkin del GREEN NEW DEAL approvata dalla Commissione europea presieduta da Ursula von der Leyen.
L’incontro servirà a chiarire i veri motivi dei rincari delle bollette del gas e indicherà direttive ben precise su come superare l’attuale crisi energetica.
Il dibattito su questi argomenti assume una valenza ancora più importante se si considera l’andamento dell’attuale campagna elettorale in cui ogni schieramento politico cerca di dare risposte confacenti al proprio modello di sviluppo.
Per BRINDISI assume una valenza ancora più importante se si considerano le scelte che sono state recentemente prese a livello governativo per la realizzazione di un deposito GNL all’interno del porto e per le quali la politica amministrativa locale non è riuscita ancora a dire una parola chiara nonchè per il futuro energetico della città in vista della de-carbonizzazione, per uma transizione energetica di Brindisi che va pianificata e realizzata dalle autorità competenti e dalla cittadinanza perché non può essere delegata ai solito potentato dell’energia fossile tradizionale.

Condividi questo articolo:
Share on facebook
Share on twitter
Share on telegram
Share on whatsapp

what you need to know

in your inbox every morning