PRESENTATO IL REGISTRO PER IL RICONOSCIMENTO DEL GENERE DI ELEZIONE


Presso l’ex Convento di Santa Chiara, Brindisi, si è tenuta una conferenza stampa della Collettiva TFQ di Brindisi e Community Hub per illustrare il Registro per il riconoscimento del genere di elezione, il Registro Alias. Durante il NUDE art fest era stato preso l’impegno di consegnare all’ufficio protocollo del Comune di Brindisi una proposta di ordine del giorno che impegna il governo cittadino ad istituire il Registro Alias e ad aderire alla Rete RE. A. DY (Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere), che risulta ancora non avvenuto. Il Registro Alias è un registro anagrafico in cui le persone trans possono avere il nome di elezione e non il precedente. È una grande forma di civiltà e il riconoscimento di un diritto civile fondamentale che è quello della auto determinazione della propria identità. È stato protocollato al Comune di Brindisi e si spera che venga presentato al più presto. Dovrebbe sempre esserci una interlocuzione tra chi si occupa di queste tematiche e l’amministrazione comunale. In Italia, purtroppo, le persone transgender sono costrette a vivere in un limbo giuridico, con documenti incongruenti con l’aspetto esteriore e l’identità sociale e tutto questo comporta la negazione dell’identità personale e di alcuni diritti essenziali. I diritti fondamentali devono essere riconosciuti senza che passi altro tempo, così come già avviene in altri paesi. Anna Consales

Condividi questo articolo:
Share on facebook
Share on twitter
Share on telegram
Share on whatsapp

what you need to know

in your inbox every morning